fbpx

SOR BRACIOLA E L'INTERNAZIONALE TRASH RIBELLE. A TU PER DUM, LE INTERVISTE DI BIANCA

  • Dum Dum Republic
  • Blog
Write a comment

 

Questa volta siamo andati oltre gli schemi, prendendoci il rischio di far esplodere il pop come una supernova. Sabato 13 luglio, alla consolle del Dum Dum Republic ci sarà il Generalissimo supremo del Trash.

Ve lo presentiamo in questa nuova puntate de “Le interviste di Bianca”.


Sor Braciola, che bel nome per un dj. Siamo abituati a nomi altisonanti, invece una bella e rassicurante braciola. Illuminaci su questa insana passione per il trash.

Innanzitutto Braciola è il mio cognome, Spartaco Eros Braciola per esteso. Il “Sor” è la maniera con cui a Roma si chiamano le persone di una certa età, lo dico perchè molti pensano sia un nome proprio e mi chiamano solo “Sor” che è un errore madornale.
Con trash noi dell’ITR non identifichiamo la “cultura di serie B” che riunisce musica o film considerati appunto di un livello meno aulico rispetto alla cultura mainstream ma proprio questa stessa, infatti siamo TRASHRIBELLI e consideriamo “cultura di serie B” tutti quei fenomeni culturali che hanno danno linfa alla cultura POP.

 

Internazionale trash ribelle, suona quasi come un manifesto, quanto è rivoluzionaria, oggi, l’ironia?

Ma noi abbiamo un “MANIFESTO”!!! La nostra organizzazione prende il via proprio con la pubblicazione del manifesto che è stato scritto nel 2011. (lo trovate sotto, ndr)
Il mettersi in discussione lo riteniamo fondamentale ma noi all’ironia preferiamo il sarcasmo e il paradosso, ci divertiamo tantissimo alle nostre feste ma propugniamo una cultura contro la quale ci battiamo, quindi ci ritroviamo in una situazione paradossale dove solo il sarcasmo può aiutare all’emancipazione dalla cultura mainstream e sradicare la cultura pop dalle nostre menti, creando almeno una “rivoluzione” endogena. Non prendersi sul serio ma con estrema serietà.

 

Chi è la regina del trash in Italia?

Ti direi la Carrà, ma lei è proprio il paradosso della cultura pop, con le sue canzoni e le sue mise ha aiutato tantissimo all’emancipazione del ruolo della donna e della libertà sessuale, la Raffaella è un baluardo, infinitamente più importante di una corona da regina trash.
A mio avviso ci sono 2 regine del “vero trash” che a mio parere andrebbero processate per attentato alla cultura umana e cioè: Maria De Filippi e Barbara D’Urso.

 

Ingrediente fondamentale per un party trash?

Lasciare a casa ogni forma di narcisisimo ed egocentrismo, vivere la leggerezza dell’attimo consci di far parte di una cultura che ci è stata affibiata senza remore dall’alto ma che fa parte comunque del nostro vissuto e con il quale dobbiamo fare i conti.

 

Consigliamo un dress code ai nostri amici.

Ma non siamo in spiaggia? Liberate i corpi!!!

 

Da qualche parte ho letto che diffondete “ingiustificata felicità e inopinabile spensieratezza”, quindi, in una festa, c’è anche un messaggio, rivolto al pubblico. Riscoprire la spensieratezza di “quelle estati li” è ancora possibile?

Purtroppo viviamo in un epoca dove essere spensierati o è un bene di lusso o è sudditanza mentale, quindi riuscire a trascorrere dei momenti dove ci si sveste di tutti i costrutti che ci sono stati imposti dalla società può solo far bene allo spirito. Poi ci pensano la musica, le canzoni, le hit ad accendere sinapsi assopite di ricordi, emozioni, momenti della vita che ricicciano fuori in questa sorta di esorcismo collettivo dalla cultura POP.

 

Allora, ci sarà da divertirsi!

Sicuro.

 

MANIFESTO DELL’ INTERNAZIONALE TRASH RIBELLE

Sono passati 134 anni dacchè il fonografo pop privò il mondo dell’estemporaneità dell’esecuzione live ribelle sotto forma di concerto, e la barbarie commercialcapitalistaborghesepop si arrogò l’infame diritto di violare la sacralità dell’esperienza sociale empatica dell’ascolto della musica, tutta, resa schiava dalle catene dei solchi nel vinile.

Anche allora la musica, da sempre nell’arena della lotta, fu aggredita con irrisione, menzogne, odio, e persecuzione dalle insulse melodie, ritmi e versi delle classi possidenti pop, che giustamente sentivano in essa il proprio nemico mortale.

Nel corso di questi 134 anni il pop si imponeva violentemente nella cultura popolare riducendola a becera merce di mero consumo, il popolo subì quasi ignaro, inerme e incosciente la dittatura commerciale pop che ogni forma sonora asserviva ai suoi infimi scopi tirannici.

La canaglia pop partoriva la sua mostruosa prole fatta di hitparade, discodancing, bimbomix e topten che anno dopo anno monopolizzavano ogni nota, ogni suono, ovunque nel mondo ormai coperto di fumanti macerie sociali e culturali.

E dietro di lei giacevano i suoi produttori, discografici, autori e per giunta critici musicali, e altri ruffiani musici della borghesia pop.

Oggigiorno quest’impoverimento, non più solamente di genere socialmusicale, ma anche fisiologico e biologico, ci si pone di fronte in tutta la sua spaventosa realtà.

Opprimono e coartano ancora le nuove generazioni piccole e deboli che sono in ritardo nel proprio sviluppo storico; dal truzzo e all’emo che non sono ancora capaci di vedere al di là di Lady Gaga, al piccolo gruppo punk che viene rovinato dai capitalisti pop che operano su vasta scala e che adulterano la musica underground, e al piccolo rapper americano derubato e truffato da MTV e dai membri del Congresso.

Tuttavia la contraddizione pop con cui ci hanno marchiato fin dalla nascita rappresenta in atto la possibilità del cambiamento.

Diventa così strumento di coscienza delle miserie sociali e musicali e quindi di lotta per la liberazione dell’individuo dalla barbarie pop corn.

La coscienza si sta risvegliando nell’intero pianeta, e i ribellissimi in ogni dove esorcizzano ormai da tempo la tirannide culturale sonora con sarcastici baccanali, dionisiaci party e ironici festini, ritrovando quell’energia collettiva rituale che è il TRASH.

Il trash non si ascolta nella propria dimora in solitudine e riflessione. Il trash è esperienza collettiva e collettivizzante che va vissuta in compagnia o sei un ladro o una spia pop.

Sempre più umani ribelli stanno ritorcendo contro la borghesia le sue stesse note come arma sguainata e affilata pronta a trafiggere il corpo ormai esausto della produzione musicale commerciale. Non è infatti un caso che viviamo l’epoca del remake, e il sistema sembra non essere più in grado di far risorgere Michael Jackson, il Re è morto, evviva il Re.

Noi facciamo appello ai selecters, ai djs, ai ballerini ballerecci, ai divertentisti incalliti, ai musicanti ribelli, al variopinto mondo degli scaricatori di mp3, di tutti i paesi perché si uniscano sotto la bandiera dell’INTERNAZIONALE TRASH RIBELLE, sotto cui sono già state ottenute le prime grandi vittorie.

Trash ribelli di tutti i paesi! Nella battaglia contro la ferocia pop, contro la monarchia dei diritti d’autore, contro il divertimento massificato a pagamento imposto dalle classi privilegiate, contro lo star system borghese e la proprietà intellettuale capitalista, contro tutti i generi e le forme di oppressione musicale e del suo sporco business: Unitevi!

Sotto la bandiera dei pirati accompagnate le note con un ballo, un fischio, una voce, una scoreggia o un liberatorio rutto, per riconquistare il maltolto e seppellire le loro morenti spoglie con una sonora risata.

Sotto la bandiera della lotta rivoluzionaria per l’ironia sonica,

Sotto la bandiera dell’INTERNAZIONALE TRASH RIBELLE – UNITEVI!

 

Divulgato il 1 maggio 2011

 

Share it
Lascia una commento...
Cancella
Login con
oppure entra come Guest
Caricamento commento... Il commento sara ricaricato dopo 00:00.

Sii il primo a lasciare un commento.

Filionda di Biancaluna Bifulco
Via Laura Mare - Capaccio Paestum (SA)
Tel: 0828851895 / Cel: 3911003962
P.IVA: 05038210653
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Filionda di Biancaluna Bifulco Via Laura Mare - Capaccio Paestum (SA)
Tel: 0828851895 / Cel: 3911003962
P.IVA: 05038210653
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.